Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Come funziona

Informazioni sull'idrocolonterapia

L'idrocolonterapia non Ŕ una pratica dolorosa. Dopo l'introduzione di una cannula rettale il paziente, disteso comodamente su un lettino, viene collegato all'apparecchiatura per il lavaggio. La stessa cannula serve per l'introduzione dell'acqua e per il relativo scarico. A circuito aperto l'acqua che entra nel retto esce immediatamente dalla sonda. Mediante una valvola, azionata manualmente dall'operatore, questo scarico pu˛ essere chiuso e l'acqua raggiunge porzioni sempre pi¨ profonde dell'intestino, anche grazie ad un massaggio inizialmente superficiale e poi sempre pi¨ profondo.
La sensazione che il paziente prova Ŕ quella di un progressivo riempimento intestinale e della conseguente necessitÓ di evacuare. L'evacuazione viene permessa dalla riapertura della valvola di scarico, senza che questo provochi fastidi o dolori.
Inizialmente la necessitÓ di evacuare avviene dopo pochi secondi dall'inizio del riempimento, ma poi, man mano che l'intestino si rilassa, si riesce a riempire una porzione sempre maggiore del colon con acqua, in modo da lavare le anse superiori.
Il circuito Ŕ totalmente chiuso per cui non si avvertono cattivi odori e non c'Ŕ fuga di materiale all'esterno.
Attraverso una finestra trasparente Ŕ possibile osservare il materiale che passa e valutare la composizione dello stesso e l'eventuale presenza di materiale estraneo come residui alimentari, parassiti, aria e masse fecali.


Torna ai contenuti | Torna al menu