Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Complicanze del trattamento

Informazioni sull'idrocolonterapia

Nel corso del trattamento di idrocolonterapia possono verificarsi degli inconvenienti. Sono tutti di lieve entità e compatibili con il trattamento che si sta eseguendo. In tutti i casi porvi rimedio è semplice e non crea particolari disagi per il paziente.

Difficoltà di introduzione della cannula
Ci possono essere delle difficoltà dovute alla presenza di emorroidi o ragadi anali o ad un eventuale prolasso rettale. Se questi problemi sono particolarmente pronunciati è bene attendere a fare i il trattamento fino a quando la fase acuta della patologia non sia risolta. Se invece si tratta di minime lesioni una particolare attenzione nell'introduzione della cannula e la corretta lubrificazione della stessa rendono il problema di facile soluzione.

Tenesmo
Già con piccole quantità di acqua introdotte nell'intestino il paziente non riesce a sopportare l'impellenza alla defecazione. Solitamente questo è dovuto ad uno stato infiammatorio della mucosa rettale o delle ultime anse intestinali. Il problema è di semplice soluzione: sarà sufficiente attendere qualche minuto riducendo l'afflusso di acqua, mantenendo aperta la valvola di scarico e praticando un massaggio profondo nella parte bassa dell'addome per consentire alla mucosa e dalla muscolatura intestinale di rilassarsi.

Senso di nausea
Durante il trattamento è possibile che il paziente avverta una sensazione di nausea, dovuta sia ad un riflesso neurovegetativo che alla spinta verso l'alto di masse di aria. La soluzione a questo problema consiste nel mettere il paziente in posizione semi seduta e nel ridurre tempi di riempimento. Solitamente non comporta l'interruzione del trattamento.


Torna ai contenuti | Torna al menu