Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Cos'è la Candida

Indicazioni e patologie > Candida

La candida è un lievito che normalmente è presente come saprofita all'interno dell'intestino. Il suo sviluppo eccessivo è controllato dalle popolazioni batteriche che ne impediscono la crescita incontrollata. Il saprofitismo di questo micete è dovuto al fatto che con la sua presenza assicura al nostro organismo una discreta azione chelante, ovvero sottrae al corpo i metalli pesanti provenienti dall'acqua e dall'alimentazione che altrimenti non avrebbero possibilità di essere eliminati o addirittura potrebbero essere assorbiti dalla parete intestinale, creando danni importanti. Nella digestione coopera ai processi di fermentazione degli amidi.

In certe occasioni, però, la candida prende il sopravvento sulle popolazioni batteriche e si sviluppa in maniera eccessiva, potendo creare problemi sia a livello locale che a livello generale.

Localmente avremo problematiche relative all'assorbimento, in particolare dovute al fatto che la presenza di questo fungo provoca una infiammazione cronica della parete intestinale. In questo modo sia le tossine direttamente prodotte dalla candida, sia altri elementi presenti nell'intestino hanno più facile accesso all'interno del nostro corpo e possono dunque provocare problemi a distanza.

Tra le cause che determinano una incontrollata evoluzione della candida un posto di rilievo è detenuto dalle terapie a base di antibiotici che distruggendo indiscriminatamente la flora batterica, inclusa quella saprofita, permettono al fungo una crescita incontrollata. Anche l'uso dei contraccettivi orali spesso si rivela foriero di sviluppo della candida intestinale.

La presenza di questo micete crea un circolo vizioso dovuto al fatto che, nel tempo, è in grado di determinare i gusti di una persona poiché richiede una alimentazione specifica, tipicamente basata su zuccheri e lieviti. L'abuso di queste sostanze crea ulteriore disbiosi, con aggravamento della sintomatologia di base.

Si comprende come l'idrocolonterapia sia un intervento importante ma non sufficiente da solo a dirimere il problema. Sarà necessario utilizzare dei prodotti specifici dal punto di vista farmacologico, ma soprattutto a portare dei radicali cambiamenti nell'alimentazione che se da un lato potranno essere problematici, soprattutto per i primi periodi, dall'altro si riveleranno risolutivi. insieme con le tecniche di lavaggio e terapia utilizzate.


Torna ai contenuti | Torna al menu