Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


FinalitÓ del trattamento

Informazioni sull'idrocolonterapia

Lo scopo principale del trattamento Ŕ quello di consentire un lavaggio approfondito non soltanto del lume intestinale, ma soprattutto della superficie mucosa. L'intestino, infatti, non Ŕ dotato di una parete liscia e continua, ma di anse, austrature e di asperitÓ tra il tessuto villoso. Nel tempo a livello di queste asperitÓ o pieghe intestinali possono depositarsi frammenti fecali che tendono ad indurirsi, diventando di consistenza simile al tessuto gommoso.

Si creano addirittura delle piccole masse di feci che aderiscono ad una curva o ad una piega intestinale. Non sono di grosse dimensioni, ma provocano due fenomeni distinti ed entrambi potenzialmente patologici.

1. DifficoltÓ al transito intestinale
Se una piccola massa fecale si stabilisce in modo permanente a livello di massa intestinale questa non partecipa pi¨ alla spinta del bolo alimentare verso il basso. E' molto frequente che questo accada e lo si vede dalla particolare conformazione che certi piccoli ammassi fecali hanno quando passano dalla finestra dell'idrocolon. Si vede, infatti, il pezzo di feci che ha una parete curva, quella che aderisce alla parete intestinale, ed una dritta, ovvero quella che sporge nel lume dell'intestino. L'ansa interessata da questo accumulo non viene stimolata alla peristalsi dal contatto con le feci.

2. Processo infiammatorio
Al di sotto di questa massa fecale posizionata a livello di un'ansa intestinale si possono sviluppare colonie batteriche o fungine patologiche. Questo provoca tutte le conseguenze conosciute dell'infiammazione che vanno dallo sviluppo di questi ceppi batterici o micotici fino alla perdita della permeabilitÓ selettiva dell'intestino e dunque sia alla sua capacitÓ di assorbimento che alla funzione di mantenere all'esterno le sostanze tossiche..

Un secondo obiettivo del trattamento Ŕ quello di ripristinare il corretto funzionamento e dunque la
corretta motilitÓ delle anse intestinali. Per ottenere questo risultato il lavaggio consente una pulizia delle anse e dello spazio che c'Ŕ tra i villi, in modo da poter ristabilire il giusto contatto tra la massa fecale e le pareti intestinali.

Terzo importantissimo obiettivo che si consegue sia con il lavaggio dell'intestino che con la terapia che viene proposta Ŕ quello di
ricolonizzare l'intestino con la corretta flora batterica ovvero ristabilire l'eubiosi intestinale.



Torna ai contenuti | Torna al menu