Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


IL GALT

Approfondimenti

La sigla GALT sta per Gut Associated Lymphoid Tissue, ovvero tessuto linfatico associato alle mucose dell'intestino. Si tratta di una struttura di protezione evidenziata dagli studiosi negli anni 80, diffusa in realtÓ in tutto l'ambito mucoso Ŕ conosciuta con la sigla MALT, dove la M. sta per mucosa.
Si tratta di un tessuto inserito all'interno della mucosa intestinale che ha il compito di riconoscere le strutture antigieniche di ci˛ che passa nel lume, identificarle in funzione del loro potenziale patogeno e produrre una opportuna difesa.
A livello dell'intestino questo tessuto Ŕ costituito dalle placche del Peyer, dai linfociti inseriti nella lamina propria e dai linfociti all'interno dell'epitelio.

Le
placche del Peyer sono follicoli linfatici simili a quelli presenti nei linfonodi, localizzati nella mucosa ed estesi fino alla sottomucosa del piccolo intestino, in particolare a livello dell'ileo. Al loro interno predominano i linfociti di tipo B, ovvero quelli deputati alla produzione di anticorpi.

I
linfociti della lamina propria hanno prevalentemente il compito di secernere immunoglobuline A, quelle responsabili della risposta allergica.

I
linfociti intraepiteliali si trovano negli spazi tra le cellule a controllare il passaggio di sostanze estranee.
Del GALT fanno parte anche le
cellule M o Microfold, che hanno il compito di riconoscere proteine estranee e consentirne l'aggressione da parte dei macrofagi.
La funzione del GALT Ŕ duplice: da una parte ha il compito di controllare il materiale che passa nel lume intestinale e valutare quanto Ŕ possibile far passare all'interno dell'organismo e quanto invece Ŕ necessario lasciare all'esterno per la successiva eliminazione. Qualora vi fossero degli antigeni che invadono massivamente l'intestino le cellule linfatiche hanno il compito di produrre un'opportuna difesa.
La seconda funzione Ŕ quella di mantenere l'equilibrio tra la potenzialitÓ patogena dei microrganismi normalmente presenti nell'intestino e l'organismo stesso.


Torna ai contenuti | Torna al menu