Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Introduzione

Stile di vita

Il nostro intestino rappresenta una porta verso l'esterno. Se potessimo distenderlo tutto, fin nelle sue minime pieghe, avrebbe una superficie di oltre 200 m². L'integrità di questa superficie mucosa è fondamentale per il corretto assorbimento dei principi attivi e per l'eliminazione delle scorie. All'interno del lume intestinale troviamo sia gli alimenti che vengono progressivamente digeriti e trasformati, sia i batteri saprofiti e simbionti, ovvero quei batteri che fanno normalmente parte della flora intestinale e che ci aiutano nei processi digestivi e nella produzione di particolari principi attivi.

La salute dell'intestino e il suo corretto funzionamento dipendono dunque da quello che mangiamo dalle modalità con cui mangiamo e da come trattiamo il nostro corpo in generale.

Con l'evolvere delle nostre conoscenze, ma soprattutto con l'applicazione della chimica nella produzione del cibo che mangiamo quotidianamente, la qualità di quello che introduciamo nel nostro corpo è variata notevolmente e, mentre da un lato è certamente più igienizzata e sicura, dall'altro è stata arricchita di principi attivi che il nostro corpo non può utilizzare e che quindi devono essere respinti dal nostro sistema di difesa.

I problemi creati da queste sostanze sono di due tipi. Da un lato le sostanze estranee provocano una infiammazione progressiva, fino a diventare cronica, delle pareti intestinali che hanno il compito di evitare che queste sostanze entrino nel nostro corpo. Dall'altro, alcune di queste sostanze attraversano la barriera e passano nel sangue. Da qui vanno obbligatoriamente nel circolo ematico e di conseguenza mettono sotto stress l'intero sistema. Ritornando sul primo problema, ovvero l'infiammazione progressiva delle pareti intestinali, un danno di questo genere si ripercuote sull'intero organismo, anche su organi apparentemente lontani dal sistema intestinale. Una mucosa intestinale infiammata, infatti, riduce le sue capacità di filtrare correttamente il materiale contenuto al suo interno. Di conseguenza anche sostanze normalmente presenti nel materiale fecale che non potrebbero attraversare la parete possono essere assorbite, con danni generali che dipendono dal tipo di sostanza e dalle interazioni con le strutture organiche.


Torna ai contenuti | Torna al menu