Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Manifestazioni cardiovascolari

Indicazioni e patologie > Menopausa

Tutte le manifestazioni cardiovascolari dipendono sempre dall'ipoestrogenismo. Questa modifica metabolica si inserisce in un sistema più generale inquadrabile in una rete di connessioni definita PNEI ovvero Psico-Neuro-Endocrino-Immunitaria.

Si tratta di un sistema che mette in collegamento diversi settori del nostro organismo e ci fa comprendere come ogni modifica del singolo settore non possa non coinvolgere tutti gli altri. Ancora una volta vogliamo ribadire il concetto che queste modifiche sono fisiologiche e il nostro organismo è in grado di adattarsi alla nuova situazione senza che per questo debba passare ad una condizione patologica. Solo le condizioni di base alterate possono provocare una vera e propria sintomatologia che acquisisce caratteristiche specifiche in funzione della situazione di base della donna.

Le modifiche al sistema cardiovascolare determinano:

  • modificazioni della parete vascolare per diminuzione della sua elasticità e variazione della struttura endoteliale;
  • ipertensione arteriosa;
  • alterazioni del metabolismo lipidico con diminuzione delle HDL, aumento delle LDL, aumento dei trigliceridi e diminuzione delle PGI2 con azione vasodilatatrice ed antiaggregante;
  • alterazioni della coagulazione con aumento della patologia tromboflebitica da cui possono seguire embolie;
  • aumento del cortisolo e TSH con alterazioni del metabolismo glicidico.


La profilassi nei confronti di queste variazioni metaboliche consiste nell'adeguare lo stile di vita al cambiamento. Occorre fare attenzione a quello che la donna mangia, a mantenere un'adeguata attività fisica così come mentale ed interpersonale.

Dal punto di vista dell'integrazione sarà utile provvedere ad un corretto funzionamento dell'intestino e ad inserire degli integratori a base di olio di pesce di buona provenienza per migliorare la qualità e ad aumentare la quantità di acidi grassi ingeriti in funzione di profilassi.



Torna ai contenuti | Torna al menu