Idrocolonspezia


Vai ai contenuti

Menu principale:


Sovrappeso e obesità

Indicazioni e patologie

Il problema obesità può essere visto sotto due punti di vista distinti.
Una prima valutazione riguarda il problema estetico. Sovrappeso e obesità sono, infatti, due condizioni che possono interessare un soggetto dal punto di vista della propria immagine, sia riferita a se stesso che all'ambiente sociale. In questo senso molte sono le richieste da parte dei pazienti per un intervento che possa mirare, come obiettivo fondamentale, al dimagrimento. Un approccio olistico al problema si pone come alternativa alla classica dieta. La parola dieta, infatti, implica un'importante sforzo da parte del paziente che spesso è coronato da successo. La stessa parola, però, implica anche un concetto di inizio e fine di questo percorso. Al termine del periodo dedicato alla dieta è estremamente probabile, oltre che esperienza comune, ritornare alle precedenti abitudini e dunque recuperare il peso originale. È per questo che un progetto olistico si propone come obiettivo non tanto il dimagrimento fine a se stesso, ma un cambiamento delle abitudini alimentari dello stile di vita in modo da evitare il ritorno alle condizioni di partenza.

La seconda valutazione che deve essere fatta in termini di sovrappeso e obesità è riferita alle condizioni di salute. Un aumento ponderale non agisce solo in termini di estetica, ma si pone come condizione di equilibrio patologico di un soggetto, cui contribuiscono fenomeni di tipo ormonale, immunitario, infiammatorio e, non ultimo, psicologico.
Questo secondo approccio riveste un'importanza fondamentale nel trattamento olistico del problema obesità poiché l'obiettivo non è più soltanto quello di recuperare un'immagine più accettabile da parte del paziente, ma di recuperare lo stato di salute, che risulta inevitabilmente compromesso nella maggior parte delle condizioni di eccesso ponderale.

Un approccio olistico al problema obesità si basa sulle seguenti strategie:

Cambiamento delle abitudini alimentari
In questo caso al paziente viene suggerita una strategia alimentare specifica non tanto basata sul controllo delle calorie dei singoli cibi, quanto sulla qualità degli stessi e sulla loro distribuzione nell'arco della giornata.

Attività fisica
Il bilancio energetico quotidiano deve essere il rapporto tra la quantità di calorie introdotte e la quantità di calorie spese. Per il dimagrimento di questo bilancio deve essere necessariamente a favore del secondo punto, dunque sarà necessario introdurre una minore quantità di calorie o spenderne una maggiore quantità nel corso della giornata.Le caratteristiche dell'attività fisica suggerita vengono concordate con il paziente in funzione del suo stato di salute e delle sue condizioni fisiche generali.

Idrocolonterapia
Il corretto funzionamento dell'intestino è condizione indispensabile per l'eliminazione degli eccessi ponderali. L'intervento con il lavaggio non ha esclusivamente l'obiettivo di regolarizzare il transito intestinale, che di per sé può anche essere normale, quanto quello di ridurre il processo infiammatorio delle pareti intestinali e soprattutto di migliorare l'assorbimento delle materie prime che spesso è alla base di un accumulo di peso nei pazienti.

Idratazione
Attraverso una corretta idratazione, sia in termini di quantità che di qualità dell'acqua, si stimola l'eliminazione delle tossine alimentari, ma non solo. La presenza di sostanze tossiche all'interno dell'organismo implica, come meccanismo di difesa, un accumulo di liquidi che ha lo scopo di diluire le tossine stesse e renderle meno efficaci nella loro azione di disturbo sull'attività cellulare.

Massaggio drenante energetico
Questa specifica tecnica di massaggio si pone due obiettivi. Da un lato stimola l'attività drenante dell'organismo seguendo specificamente le vie del sistema linfatico. Dall'altro in modo mirato sui meridiani dell'agopuntura che risultano bloccati nella trasmissione delle informazioni. In questo modo si stimola il ripristino della funzionalità dei principali organi drenanti, primi fra tutti fegato, rene, pancreas.

Mesoterapia
L'intervento viene eseguito periodicità settimanale con un trattamento a livello delle principali sedi di accumulo lipidico e lungo il percorso dei meridiani drenanti, primo fra tutti quello della vescica urinaria.

Sostegno psicologico
In questo percorso viene eseguito uno specifico programma di sostegno psicologico costituito da incontri settimanali allo scopo di consolidare il progetto di cambiamento non soltanto come volontà razionale, ma anche come nuovo atteggiamento psicologico nei rapporti del proprio corpo e del proprio stile di vita.

Questo progetto ha una durata variabile che viene valutata insieme con il paziente in occasione della prima visita. Si tratta necessariamente di un progetto di cambiamento dunque non è finalizzato al raggiungimento di rapidi e fugaci risultati. È più probabile che si progetti un percorso comune che per molti mesi ci veda percorrere, insieme con il paziente, la strada del cambiamento e del recupero della salute.



Torna ai contenuti | Torna al menu